Lavorazione Marmo a Voghera: leader nell'arte funeraria e nell’edilizia residenziale, Merli Marmi Voghera realizza opere cimiteriali moderne e innovative che lasciano un segno nel cuore.

Merli Marmi Contatti

Marmo: quali sono quelli più belli al mondo oltre al Bianco di Carrara? Ecco le varietà più pregiate da conoscere.

Il Marmo è una pietra naturale dal fascino senza tempo. Utilizzato fin dai tempi più antichi per realizzare opere di pregio, è elegante, versatile e in grado di impreziosire tutti gli ambienti. Da sempre trova grande applicazione nel campo del design e dell’architettura, ma quali sono i marmi più belli del mondo?

Partendo dal presupposto che le venature, date dalla diversa composizione mineraria, le nuance nonché le lavorazioni condizionano il giudizio, spostandolo su una preferenza soggettiva, il parere degli esperti è concorde nell’affermare che il Marmo Bianco di Carrara è il più bello al mondo.

MARMI PIÙ BELLI DEL MONDO: QUELLI ITALIANI

 

L’Italia è un vero e proprio punto di riferimento nel mercato mondiale del marmo. Dal Bel Paese infatti provengono alcune delle pietre naturali più pregiate al mondo, una su tutte il già citato Marmo di Carrara. L’elenco però non finisce certo qui: ecco quali sono i Marmi Italiani più belli al mondo.

Bianco di Carrara: chiamato dagli antichi romani marmor lunensi, ossia marmo di Luni dal nome del territorio di provenienza, viene estratto dalle Alpi Apuane ed è da sempre è sinonimo di raffinatezza ed eleganza. Una varietà ancor più pregiata e costosa è il Marmo di Calacatta bianco con venature che vanno dal giallo all’oro passando per il grigio.

Statuarietto: rimaniamo nella zona di Carrara per scoprire questo pregevole marmo dal fondo bianco e dalle venature grigie, utilizzato per la realizzazione di pavimenti, rivestimenti, top bagno e cucina.

Perlato (o Botticino): parliamo sempre di un marmo bianco estratto dalle cave in provincia di Trapani. Il suo colore, tendente all’avorio, è inframmezzato da venature marroni.

Candoglia: un altro marmo di colore bianco, famoso per essere stato utilizzato nella realizzazione del Duomo di Milano.

Trani Bronzetto: arriva dalle cave pugliesi di Trani un marmo dal colore beige-avorio e dalle bellissime venature rosa.

Verde di Taormina: si distingue da quelli trattati finora per via del suo colore verde brillante con venature in quarzo.

Rosso di Verona: deve il suo colore mattone all’elevata concentrazione di ferro. 

MARMI DAL MONDO: I PIÙ BELLI

Sebbene l’Italia domini il mercato mondiale del marmo, anche fuori dai confini nazionali è possibile trovare pietre naturali di notevole pregio.

Rimanendo in Europa è impossibile non citare il Nero Marquina, estratto dalle cave di Bilbao, nel nord della Spagna e caratterizzato da un fondo nero con venature bianche in grado di conferire un aspetto raffinato agli ambienti. Tra le più famose pietre naturali spagnole c’è poi l’Emperador nelle sue varianti grey, dark e light utilizzato principalmente per realizzare camini, top e scale.

Dalle cave francesi arriva invece il Noir Saint Lorent, un marmo nero con venature di pregio bianche o dorate.

Anche il continente africano offre una grande varietà di marmi tra cui il Galala egiziano, il Giallo Antico della Tunisia, il Dalati dell’Etiopia e l’Alabastro, il più diffuso del continente con il suo bel color onice.

Come non citare poi il Makrana, estratto dall’omonima città del Rajastan in India, famoso per essere il marmo con cui è stato costruito il Taj Mahal. O il Forest Green che, come lascia intuire il nome, ricorda i colori della foresta con il suo fondo verde intenso e le venature avorio simili a rami.

Insomma, il marmo è una pietra naturale che con i suoi colori e le sue venature è in grado di soddisfare anche i gusti più particolari. Affidatevi a Merli Marmi per scegliere il vostro marmo preferito.

Contattaci

Se desideri fissare un appuntamento o ricevere maggiori informazioni sui nostri servizi, non esitare a contattarci.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Email
post-img
Precedente

Merli Marmi, lavorazione marmi e pietre conto terzi

Successivo

Merli Marmi: una nuova vision sull’arte funeraria

post-img